S. ONOFRIO

La chiesetta di S. Onofrio si trova nell’alta valle del torrente Colognati, in un’ampia conca chiusa, tra i contrafforti orientali della Sila Greca, circondata da boschi lussureggianti e da una ricca vegetazione montana, che fanno di questo luogo un incontaminato e suggestivo parco naturale. La chiesetta è un Oratorio, un Eremo, fatto ristrutturara dal Sindaco M. Romano (1832-1836), e restaurato negli anni 1990-1992. Presenta, finora, l’unica testimonianza di un complesso monastico molto antico. Infatti, la sua fondazione risale, probabilmente, al x secolo quando Rossano la Bizantina è nota anche come “Montagna Santa” per i suoi numerosi Monasteri, Eremi, Laure, che ne fanno una zona ascetica tra le più famose del mezzogiorno. Il fiorente Monastero, dedicato a S. Onofrio viene distrutto dai saraceni della Sicilia nel 983; ricostruito è esistente al tempo dell’Arcivescovo Teofanie Cerameo (1131-1143); nel 1216, fa parte del Patrimonio dell’Abbazia del patire,; passato con il suo territorio all’Università di Rossano è da questa venduto ai principi Borghese di Roma nel 1690 e dal 1810 è ritornato definitivamente ai beni demaniali del Comune di Rossano.

loading